11 Ott.2021
By: dvo_
Back to nature, look at the future.

DVO ha scelto i temi strategici della sostenibilità e del green come concept per il proprio evento/installazione dedicato alla design week del fuori salone di Milano.

DVO ha scelto i temi strategici della sostenibilità e del green come concept per il proprio evento/installazione dedicato alla design week del fuori salone di Milano. DVO S.R.L., azienda riconosciuta per la sua spiccata sensibilità ambientale e per aver conseguito, in questi anni, numerose e importanti certificazioni aziendali e di prodotto, molte delle quali in linea con i nuovi standard green del mercato, a livello internazionale.

L’installazione realizzata in showroom è incentrata sull’idea del “ritorno alla natura”, con l’intento di coinvolgere gli ospiti in un’atmosfera “esperienziale” unica in grado di esprimere il senso e il valore della libertà, dell’apertura ai temi progettuali e della vita dentro e fuori l’ufficio. Al centro del progetto l’elemento tavolo/scrivania in tutte le sue declinazioni, è quello che definisce il luogo di lavoro; in qualsiasi contesto venga collocata una scrivania, quello spazio diventa immediatamente un luogo produttivo, riflessivo, creativo, condivisivo.

L’esperienza pandemica dell’ultimo anno ha dimostrato al mondo intero come il lavoro e lo studio possano essere affrontati ovunque, in ogni situazione, traendone potenzialmente nuovi spunti e prospettive e trovando addirittura un nuovo slancio. Inoltre, le limitazioni causate dalla pandemia in corso ci hanno fatto capire quanto sia fondamentale, per l’equilibrio dell’essere umano, la vita all’esterno, la permanenza in spazi in cui la relazione con gli altri ed il benessere dato dalla natura siano al centro della nostra realtà quotidiana. Dopo mesi di chiusura, abbiamo deciso di puntare sull’apertura.

Abbiamo scelto di inventare uno scenario in cui il lavoro quotidiano si libera dai suoi clichè e sconfina in uno spazio ampio, verde ma urbano, pratico ma divertente. La scrivania è co-protagonista della natura; dalla nostra postazione privilegiata, siamo noi a guardare dall’esterno verso l’interno di finestre spesso tutte uguali, attraverso le quali tante volte abbiamo sognato di fuggire. Il contesto urbano diventa una quinta, un contorno entro il quale si sviluppa la scena della nostra attività quotidiana. Un albero può essere sia un’oasi di ombra presso la quale trovare ristoro, ma anche sostegno per un elemento luminoso che serve a farci lavorare meglio; può essere supporto per l’altalena che diventa seduta ideale in questo nostro contesto speciale, in cui lavoro e svago trovano il loro perfetto equilibrio.

Le diverse “declinazioni” dell’ufficio sono tutte riconoscibili: le postazioni singole e direzionali, identificate dal rispettivo albero di riferimento; le zone break, dove i tavolini della zona caffè divengono piani di gioco; l’open space operativo, dove confronto e condivisione caratterizzano sia il lavoro che i momenti di pausa; le scrivanie, ancora una volta, creano lo spazio di lavoro in un parco urbano nel quale la seduta diviene secondaria, può essere recuperata, riciclata, riadattata.

L’installazione scenografica e teatrale scelta per questo particolare FuoriSalone 2021, rientra in un percorso di “pensiero verde” e tutela delle risorse che la nostra azienda persegue ormai da anni anche attraverso scelte green come l’impianto fotovoltaico dello stabilimento in grado di produrre energia a sufficienza per svolgere tutte le proprie attività in autonomia.

Oltre che all’emissione di CO2, grandissima attenzione è posta alle emissioni di COV, Composti Organici Volatili; un costante monitoraggio in laboratorio dei pannelli a base di legno, che compongono i nostri arredi, ci ha permesso di ottenere il GREENGUARD, importante riconoscimento che certifica la bassissima emissione di composti derivanti dalla lavorazione del legno, soprattutto da colle e vernici. I nostri pannelli, inoltre, hanno valori di emissione di Formaldeide inferiori a 7 volte, rispetto quelli della soglia limite, definita dai Criteri Minimi Ambientali.

Il legno, elemento rappresentativo della natura per eccellenza, protagonista dei parchi urbani ed elemento costituente della filiera produttiva, diviene necessariamente il nostro sorvegliato speciale; DVO SRL è partecipe della catena di custodia per la corretta gestione e tracciabilità delle foreste, secondo i principi di FSC, Forest Stewarship Council. Il riciclo del legno è uno dei nostri elementi cardine; successivamente, quello non più lavorabile, viene trasformato in biomassa per la produzione di corrente elettrica, consentendo di abbattere notevolmente il livello di emissione di CO2.

I partner che hanno generosamente contribuito e supportato questo progetto, sono essi stessi frutto di una scelta incentrata sull’importanza della produzione di materiali innovativi, ma con occhio necessariamente attento alla sostenibilità ambientale. Il prato verde, fornito dall’azienda Marlo s.r.l., specializzata in produzione di verde ecologico stabilizzato, è ottenuto esclusivamente con plastica riciclabile al 100%; gli alberi d’ulivo, che identificano e proteggono le nostre postazioni operative, sono stati ricreati utilizzando solo rami recuperati dal processo di potatura di un uliveto. Il tendaggio, fornito dall’azienda Medit s.r.l., che delimita il nostro “parco urbano”, è costituita da un tessuto “total green” ottenuto con un filato sapientemente tessuto in una tenda rigenerata RE_LIFE costituita dal 100% nylon rigenerato ECONYL® riciclabile all’infinito e prodotto esclusivamente da rifiuti di plastica.

Si ringrazia la società R&M specializzata nella produzione di prodotti IT ad alta sostenibilità. Il settore dell’IT è un vorace divoratore di energia e come tale è responsabile di parte delle emissioni di CO2. Minore è la quantità di energia richiesta per produrre, gestire e trasportare un dato (un byte), minore è la quantità di CO2 causata da questi processi. Le tecnologie di trasmissione che si appoggiano alla Fibra Ottica come mezzo trasmissivo riducono di molto l’energia necessaria rispetto ad analoghe prestazioni che si appoggiano su materiali conduttori (rame) come mezzo trasmissivo. A parità di velocità trasmissiva anche la numerosità dei componenti passivi è minore con la FO e di conseguenza l’energia richiesta per la loro produzione, stoccaggio e trasporto. Complessivamente, i risparmi calcolati sui costi energetici sono fino al 50%. R&M è un convinto sostenitore dello sviluppo delle trasmissioni in FO alle quali dedica gran parte della propria ricerca di innovazioni tecnologiche.

S.Pellegrino, Acqua Panna e Sanpellegrino Italian Sparkling Drinks sono marchi internazionali di Sanpellegrino S.p.A., con sede a Milano, Italia. Distribuiti in oltre 150 paesi attraverso filiali e distributori nei cinque continenti, questi prodotti rappresentano l’eccellenza della qualità in virtù delle loro origini e interpretano perfettamente lo stile italiano nel mondo come sintesi di piacere, salute e benessere. Fondata nel 1899, Sanpellegrino S.p.A. è l’azienda leader nel settore delle bevande in Italia con la sua gamma di acque minerali, aperitivi analcolici, bevande e tè freddi. In qualità di grande produttore italiano di acqua minerale, è da sempre impegnato nella valorizzazione di questo bene primario per il pianeta e lavora con responsabilità e passione affinché questa risorsa abbia un futuro sicuro.

Back to nature, look at the future”, un progetto e un messaggio forte di DVO per orientare ogni azione umana ad un rapporto più consapevole con il nostro ecosistema; il lavoro stesso e il suo habitat -l’ufficio-ha il compito di perseguire obiettivi e politiche di salvaguardia, tutela delle risorse e contenimento degli sprechi, che siano da esempio in ogni altro aspetto del vivere quotidiano.

L’installazione realizzata in showroom è incentrata sull’idea del “ritorno alla natura”, con l’intento di coinvolgere gli ospiti in un’atmosfera “esperienziale” unica in grado di esprimere il senso e il valore della libertà, dell’apertura ai temi progettuali e della vita dentro e fuori l’ufficio.
Author